Aree di intervento: Disturbo dell'umore, Depressione Maggiore, Disturbo Bipolare, Disturbo Distimico

02.08.07

Cosa prova e come si comporta una persona che soffre di depressione?

14:18:58, Aree di intervento: Disturbo dell'umore  

" ... La mattina è il momento peggiore. Penso alla giornata che dovrò affrontare, starò male e sicuramente non riuscirò a fare nulla. Faccio fatica a fare le cose, vorrei rimanere a letto e dormire così la giornata trascorre più velocemente. Ho perso il piacere di fare le cose: la musica è sempre stata una grande passione. Suono in un gruppo, scrivo i testi e canto, ma ultimamente non mi interessa, non mi da emozioni. Mi sento, inoltre, la testa vuota, non riesco a concentrarmi, non mi ricordo le cose. Vado in cucina e poi non mi ricordo perché sono li e cosa avrei dovuto fare. Mia moglie cerca di spronarmi, ma io mi sento ancora peggio. Non mi sento capito, provo rabbia e sensi di colpa..."

Permalink 123 parole da admin Email , 11762 visite • 3 feedbacks

30.07.07

A che età si può soffrire di distimia? C'è un periodo della vita, un'età in cui la persona è più a rischio di distimia?

14:29:31, Aree di intervento: Disturbo Distimico  

La distimia non ha un esordio netto o riconducibile ad un periodo identificabile con precisione.

A differenza della depressione maggiore, nella distimia non si riscontra una frattura del continum psicologico: il paziente non riferisce, infatti, un periodo precedente in cui stava bene, ma sostiene di essere così da tanto tempo e riconosce il suo malessere come parte integrante del proprio modo di essere, un aspetto del suo carattere.

Possiamo distinguere la distimia, con esordio prima dei 21 anni, da una distimia tardiva che si stabilisce in età più avanzata.

Alcuni autori in letteratura mettono in discussione l’esistenza delle forme tardive, secondo i quali rappresentano, invece, quadri clinici che giungono solo tardivamente all’osservazione clinica oppure forme di depressione maggiore cronicizzata con una sintomatologia non grave.

Permalink 125 parole da admin Email , 1849 visite • 3 feedbacks

Quali sono le complicazioni (le conseguenze) della depressione?

14:27:51, Aree di intervento: Depressione Maggiore  

La complicazione più grave del disturbo depressivo maggiore è il suicidio, che interessa il 15% dei pazienti; il rischio suicidario aumenta soprattutto nei soggetti oltre i 55 anni di età.

Ulteriori complicazioni includono le difficoltà matrimoniali, genitoriali, sociali e professionali.

La malattia soprattutto nelle sue forme ricorrenti e cronoche, può comportare una diminuzione della produttività lavorativa, assenteismo, mancato impiego e soprattutto nelle donne, difficoltà nel gestire la propria casa e incapacità di adempiere al ruolo genitoriale atteso.

Permalink 74 parole da admin Email , 12258 visite • 3 feedbacks

Una persona che ha sofferto di depressione può rivivere un altro episodio depressivo?

14:25:13, Aree di intervento: Depressione Maggiore, Disturbo Distimico  


Alcune persone possono manifestare un singolo episodio di disturbo depressivo maggiore nel corso della loro vita, con un completo ritorno al funzionamento premorboso.

Viene stimato, però, che una percentuale che va dal 50% all’85% delle persone che hanno vissuto un tale episodio avrà un altro episodio depressivo, in questi casi, verranno soddisfatti i criteri per il disturbo depressivo maggiore ricorrente.

Le persone con disturbo depressivo maggiore sovrapposto a distimia hanno maggiore probabilità di avere episodi ricorrenti di disturbo depressivo maggiore, rispetto a quelli senza distimia.

Permalink 84 parole da admin Email , 9772 visite • 1 feedback

Esordio e decorso della depressione

14:23:08, Aree di intervento: Depressione Maggiore, Disturbo Distimico  


Tra i 20 e i 30 anni esordisce la maggior parte dei disturbi depressivi maggiori, anche se il disturbo può cominciare a qualsiasi età.

I sintomi del disturbo depressivo maggiore si sviluppano tipicamente nel corso di alcuni giorni o settimane.

I sintomi prodromici, inclusi ansia generalizzata, attacchi di panico, fobie o sintomi depressivi che non raggiungono la soglia diagnostica, possono manifestarsi alcuni mesi precedenti.

Tuttavia, in alcuni casi, un disturbo depressivo maggiore può svilupparsi improvvisamente (per esempio, quando è associato ad un grave stress psicosociale).

Anche la durata di un episodio depressivo maggiore è variabile. Tipicamente, l’episodio, se non è trattato, dura 6 mesi o più.

Permalink 101 parole da admin Email , 11456 visite • 3 feedbacks

<< Pagina Precedente :: Pagina Successiva >>

Novembre 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
 << <   > >>
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

Starbene: mente-corpo

Dott.ssa Maria Narduzzo
Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Terapeuta EMDR
Docente dell'Istituto Watson
P.Iva 09100990010
Cell 3337130974
Vedi Attività


Riceve ad Orbassano
Studio Privato
Via Roma 47
www.psicologo-orbassano.it

Riceve a Torino
presso Studio Medico Crocetta
C.so Galileo Ferraris, 107
www.studiocrocetta.it
maria.narduzzo@gmail.com

Directory segnala sito DirectoryItaliana

Psicologia: La categoria di HelloDir.com che tratta di Psicologia

Scambio Link

Psycommunity

Vedi opuscolo sul panico

Prima di aggiungere un commento è necessario prendere visione e approvare l'informativa sulla privacy.

Cerca

Chi c'é online?

  • Untenti ospiti: 10

Syndicate questo blog Feeds XML

What is this?

powered by
b2evolution