Aree di intervento: Disturbi Specifici dell'Apprendimento, Difficoltà di calcolo, Difficoltà nella lettura - Dislessia, Difficoltà nella scrittura - Disgrafia

14.10.07

Cause della DISLESSIA

22:34:49, Aree di intervento: Difficoltà nella lettura - Dislessia  

Quali sono le cause della dislessia?

La dislessia è dovuto a disabilità cognitive di base che sono frequentemente di origine costituzionale, quindi di origine genetica.

Permalink 24 parole da admin Email , 15533 visite • 7 feedbacks

DISLESSIA: difficoltà nella lettura

22:32:46, Aree di intervento: Difficoltà nella lettura - Dislessia  

Che cos'è la dislessia?

La dislessia è un disturbo specifico dell’apprendimento e consiste nella difficoltà da parte del bambino di leggere e scrivere in modo corretto e fluente, nonostante un’istruzione adeguata. La dislessia non è causata da un deficit di intelligenza, né da problemi ambientali o psicologici o da deficit sensoriali o neurologici. Il bambino dislessico può leggere e scrivere, ma riesce a farlo solo impegnando al massimo le sue capacità ed energie, perché non può farlo in maniera automatica, perciò si stanca velocemente, commette errori e rimane indietro. La difficoltà nella lettura spesso si accompagna a problemi nella scrittura, nel calcolo e anche in altre attività mentali. I bambini con dislessia sono intelligenti, di solito vivaci e creativi. E’ ancora diffusa la tendenza a considerare queste difficoltà come caratteristiche tipiche di un bambino svogliato, che potrebbe fare di più, ma non si applica abbastanza nelle attività.

Permalink 147 parole da admin Email , 9325 visite • 1 feedback

Richiesta di consulenza per i Disturbi Specifici dell'Apprendimento

22:24:57, Aree di intervento: Disturbi Specifici dell'Apprendimento  

Tendenzialmente i genitori si rivolgono ad uno psicologo, perchè hanno notato personalmente delle difficoltà che il figlio presenta a livello scolastico. In altre situazioni, gli insegnanti evidenziano difficoltà di apprendimento, per cui sensibilizzano i genitori affinchè si rivolgano ad uno psicologo.

Nel primo colloquio CON I GENITORI, lo psicologo raccoglie informazioni sul minore e sul disturbo.

Nel secondo colloquio lo psicologo vede IL BAMBINO/RAGAZZO. All'inizio sarà importante dedicare tempo per creare una buona relazione con il minore. In seguito verrà effettuata una raccolta di informazoni per valutare:

1. LE FUNZIONI COGNITIVE PRIMARIE:

PERCEZIONE
ABILITA’ VISUO SPAZIALI
PRASSIE
MEMORIA
LINGUAGGIO
ATTENZIONE

Tale valutazione viene effettuata tramite la somministrazione di PROVE STANDARDIZZATE ES. WISH

2. I PROCESSI DI APPRENDIMENTO SCOLASTICO:

LETTURA
SCRITTURA
CALCOLO
COMPRENSIONE E PROBLEM SOLVING

Tale valutazione viene effettuata tramite la somministrazione di PROVE STANDARDIZZATE

3. GLI ASPETTI EMOTIVO RELAZIONALI

AUTOSTIMA
MOTIVAZIONE
INDAGINE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI

Tale valutazione viene effettuata tramite COLLOQUIO, OSSERVAZIONE, PROVE STANDARDIZZATE,
GIOCHI

Permalink 154 parole da admin Email , 7404 visite • 17 feedbacks

12.10.07

Disturbo specifico dell’Apprendimento Scolastico: DAS

13:04:15, Aree di intervento: Disturbi Specifici dell'Apprendimento  

Casa si intende per disturbo specifico dell’apprendimento?

Caratteristiche tipiche

Il disturbo specifico dell’apprendimento scolastico non è causato da disabilità neurologica o sensoriale. I bambini, infatti, sono intelligenti, il loro Q.I. è nella norma e presentano adeguate capacità cognitive, visive ed uditive. Occorre, quindi, sottoporre il bambino ad una visita medica per escludere problemi oculistici ed uditivi.

Le difficoltà dell’apprendimento scolastico non sono causate dalle normali variazioni del rendimento scolastico che possono essere presenti in qualsiasi bambino.

Il bambino ha ricevuto un’adeguata istruzione scolastica.

IL bambino non presenta disagi emotivi primari che possono causare difficoltà nell’apprendimento. Se il bambino vive esperienze soggetivamente negative: nascita di un fratellino, cambio di residenza, separazione tra i genitori, malattia o morte di un familiare, può provare disagi che distolgono la sua attenzione e concentrazione dallo studio. In questi casi, lo scarso rendimento scolastico non è attribuibile a difficoltà dell’apprendimento scolastico.

Il disagio, la frustrazione, la scarsa fiducia in se stesso, la demotivazione e i problemi della condotta sono una conseguenza delle difficoltà di apprendimento, perché il bambino si rende conto di quanto sia faticoso per lui apprendere, nonostante, l’impegno. Spesso sono bambini rimproverati e puniti dai genitori e dall’insegnante, che sono soliti dire:
"è un bambino intelligente, ma non studia abbastanza"
"pensa solo a giocare"
"se si impegnasse più ..."

I tempi di attenzione sono diversi da quelli dei bambini senza disturbo; i bambini con DAS sono facilmente distraibili: non riescono a concentrarsi su un singolo stimolo, ma sono attratti da tante altre cose contemporaneamente.

Percezione visiva: il bambino con DAS ha difficoltà a percepire correttamente uno stimolo; vede, ma non dà il giusto significato a ciò che osserva.

Permalink 278 parole da admin Email , 7284 visite • Invia feedback

11.10.07

Disturbi specifici dell'apprendimento

13:14:01, Aree di intervento: Disturbi Specifici dell'Apprendimento  

PERCHE’ E’ IMPORTANTE FARE UNA DIAGNOSI PRECOCE dei disturbi specifici dell'apprendimento?

Più passa il tempo e più il bambino accumula DIFFICOLTA’ ED INSUCCESSI SCOLASTICI

Il bambino si sente DEMOTIVATO

Si ABBASSA l'AUTOSTIMA

Il bambino prova ANSIA DA PRESTAZIONE

La FAMIGLIA non COMPRENDE le difficoltà del figlio, inizia a preoccuparsi e va in ansia

Il bambino riceve RIMPROVERI E PUNIZIONI: spesso le sue difficoltà vengono vissute come scarso impegno

Anche gli insegnanti possono non comprendere le difficoltà dell'alunno con disturbo specifico dell'apprendimento: "è intelligente ma non si impegna abbastanza"

Il bambino viene DERISO ED ESCLUSO dai compagni

Tutto ciò può determinare ABBANDONO SCOLASTICO

Permalink 101 parole da admin Email , 9065 visite • Invia feedback

<< Pagina Precedente ::

Marzo 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
 << <   > >>
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Starbene: mente-corpo

Dott.ssa Maria Narduzzo
Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Terapeuta EMDR
Docente dell'Istituto Watson
P.Iva 09100990010
Cell 3337130974
Vedi Attività


Riceve ad Orbassano
Studio Privato
Via Roma 47
www.psicologo-orbassano.it

Riceve a Torino
presso Studio Medico Crocetta
C.so Galileo Ferraris, 107
www.studiocrocetta.it
maria.narduzzo@gmail.com

Directory segnala sito DirectoryItaliana

Psicologia: La categoria di HelloDir.com che tratta di Psicologia

Scambio Link

Psycommunity

Vedi opuscolo sul panico

Prima di aggiungere un commento è necessario prendere visione e approvare l'informativa sulla privacy.

Cerca

Chi c'é online?

  • Untenti ospiti: 30

Syndicate questo blog Feeds XML

What is this?

powered by
b2evolution