27.07.07

Caratteristiche della fobia sociale: come vive i rapporti con gli altri?

14:32:19, Aree di intervento: Fobia Sociale  

La persona con fobia sociale, valuta le situazioni sociali come pericolose, per la paura di agire in modo non adeguato, per cui pensa che gli altri lo giudicheranno in modo negativo. Anche l’opinione e la percezione di se stesso risulta negativa: pensa di non essere capace, di non essere all’altezza della situazione per cui sicuramente farà una brutta figura.

Prima di vivere le situazioni sociali, prova ansia anticipatoria. Per poterle affrontare, la persona tende a pensare e a visualizzare tutto ciò che gli potrà capitare e tutte le domande che gli potranno porre, individuando in anticipo i vari comportamenti e le varie risposte, al fine di fare una bella figura. Tale atteggiamento se da un lato è una strategia protettiva per affrontare le situazioni, dall’altra determina ansia e fa sì che le sorprese e tutto ciò che non sia stato programmato in anticipo non vengano tollerate.

Durante l’interazione sociale, si è concentrati sulle proprie risposte somatiche, sulla valutazione che potrebbe ricevere dagli altri e sull’opinione che ha di se stesso. La persona può, infatti, controllare ogni singola parte del proprio corpo e se c’è attivazione fisiologica cerca di rimanere calmo e tranquillo. Tale atteggiamento fa sì non vengano tollerati i rumori intensi. Per esempio: una persona parla a voce alta e crea fastidio e irritazione, oppure se qualcuno desidera parlare con lui può creare nervosismo, perché non gli permette di concentrarsi su di se. La perdita di controllo su di sé, potrebbe innescare i sintomi del panico.

La persona con fobia sociale può emettere, inoltre, tutta una serie di evitamenti per affrontare la situazione: pensa e si ripete le frasi prima di parlare, si schiarisce la voce, parla velocemente, non guarda negli occhi, … Inoltre, il cercare a tutti i costi di fare una bella figura ha effetti controproducenti: aumenta i sintomi dell’ansia, la persona non risulta spontanea nei suoi movimenti e nell’eloquio. Egli si impone, in modo rigido, di sorridere, di parlare, di essere interessato ai discorsi, deve essere simpatico, si ripete mentalmente cosa dire prima di parlare e ciò può rendere ancora più difficile la conversazione. Alla fine la persona apparirà effettivamente meno simpatico, meno amichevole ed impacciato. I comportamenti protettivi e i sintomi dell’ansia hanno, quindi, effetti negativi sull’immagine di se stesso.

Al termine dell’interazione sociale, la persona che soffre di fobia sociale tende molto a rimuginare e a valutare in modo negativo il suo comportamento, concentrandosi solo sugli aspetti negativi e su ciò che non è riuscito a fare, rafforzando ancora di più le sue convinzioni negative.

Permalink 427 parole da admin Email , 10118 visite • 2 feedbacks

Indirizzo Trackback per questo post:

This is a captcha-picture. It is used to prevent mass-access by robots.

Per favore, inserisci i caratteri che vedi nel disegno sopra. (case insensitive)

Commenti, Trackbacks, Pingbacks:

Commento di: Jeremy Scott Store [Visitatore] Email · http://www.jeremyscottstore.com/
~
I was very pleased to find this site.I wanted to thank you for this great read!! I definitely enjoying every little bit of it and I have you bookmarked to check out new stuff you post.Thanks for sharing,I really like it..I am ready to read more from you everyday.
PermalinkPermalink 24.11.11 @ 09:28
Commento di: LeonCRednour [Visitatore] · http://www.augustrain.com/author/janellwyatt/
Great blog you may have here.. It's hard to find good quality
writing like yours today. I truly appreciate individuals as if you!
Take care!!
PermalinkPermalink 05.06.16 @ 00:34

Lascia un commento:

La tua email non comparirà nel sito.
Il tuo URL sarà visualizzato.

Tag XHTML consentiti: <p, ul, ol, li, dl, dt, dd, address, blockquote, ins, del, span, bdo, br, em, strong, dfn, code, samp, kdb, var, cite, abbr, acronym, q, sub, sup, tt, i, b, big, small>
(Le interruzioni di linea diventano <br />)
(Imposta il cookie per nome, email e url)
(Permetti agli utenti di contattarti attraverso il form dei messaggi (la tua email non sarà mostrata.))
This is a captcha-picture. It is used to prevent mass-access by robots.

Per favore, inserisci i caratteri che vedi nel disegno sopra. (case insensitive)

Post Precedente: Quali sono le cause della depressione dopo il parto?Post Successivo: Sintomi della distimia

Febbraio 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
 << <   > >>
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  

Starbene: mente-corpo

Dott.ssa Maria Narduzzo
Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Terapeuta EMDR
Docente dell'Istituto Watson
P.Iva 09100990010
Cell 3337130974
Vedi Attività


Riceve ad Orbassano
Studio Privato
Via Roma 47
www.psicologo-orbassano.it

Riceve a Torino
presso Studio Medico Crocetta
C.so Galileo Ferraris, 107
www.studiocrocetta.it
maria.narduzzo@gmail.com

Directory segnala sito DirectoryItaliana

Psicologia: La categoria di HelloDir.com che tratta di Psicologia

Scambio Link

Psycommunity

Vedi opuscolo sul panico

Prima di aggiungere un commento è necessario prendere visione e approvare l'informativa sulla privacy.

Cerca

Chi c'é online?

  • Untenti ospiti: 11

Syndicate questo blog Feeds XML

What is this?

powered by
b2evolution